CAST e CASTING – Film, Cinema, Moda, Spot TV, Cortometraggi. Provini e Agenzie per Attori, Modelle, Cantanti, Ballerine, Promoter, Hostess, Steward …+ di 100 cast ogni giorno!


Rss 2.0 RSS - Casting per attori comparse provini cast TV     Home >> All Cast (Casting per attori comparse provini cast TV)

giu 27 2021

Euro 2021: la forza di Deschamps sta nel prendere d’assalto la testa del giocatore, come spiega Marcelo Lippi

Annuncio nella categoria: Altri 09:40

La richiesta di intervista è andata senza tante illusioni. Dieci minuti dopo, Marcello Lippi, campione del mondo con l’Italia nel 2006 e allenatore Didier Deschamps della Juventus Torino, ha inviato un messaggio. ” Se parli di Didier, va bene. Appuntamento tre giorni dopo alle 11 presso l’Hotel Principe di Piemonte a Viareggio. prendere o lasciare “. abbiamo preso.

Ti consideri il maestro spirituale di Deschan?

Marcello Lippi. Nella mia carriera ho allenato quasi 60 giocatori che sono diventati allenatori. Anche alcuni adulti. Penso a Didier, Antonio Conte, Paolo Sousa, Gianluca Vialli e altri. Mi piace credere che allenandoli e parlando di tattiche, qualcosa si sia bloccato nella loro mente. Ma alla base, sono uomini di alta qualità. Ciò che rende un allenatore di successo è la sua forza di carattere. Didier osservava molto, chiedeva molto, prendeva appunti… Ha acquisito un patrimonio di conoscenze. Ma sarebbe troppo semplice per spiegare il suo successo. In effetti, ha unito ciò che aveva imparato con la sua forza interiore. Il risultato si chiama Deschamps. Ma ha tenuto un registro degli anni trascorsi con me.

Odia perdere. Questo odio per la sconfitta viene dal suo periodo alla Juventus?

(Sorride.) Forse alla Juventus, più che altrove, non era normale perdere. Abbiamo dedicato gran parte della settimana ad allenarci. Ho basato tutte le mie sessioni sull’aggressività e la pressione, scrivendo cose importanti alla lavagna. Era un’ossessione che trasmettevo ai giocatori. Questo intenso lavoro ovviamente non avrebbe fatto perdere la partita del fine settimana.. che l’odio viene da lì. Ad un certo punto, abbiamo vinto molti titoli e alcuni giocatori si sono lasciati andare. Mi ha fatto impazzire di rabbia. Sono sicuro che Didier, in quegli anni, abbia imparato a non accontentarsi mai. Ha vinto tutto e ha ancora fame. Viene dalla Juventus, credo. Ma questo non è il più importante.

Notazione audio. Didier Deschamps trionfa in pelle

Che cos’è ?

Didier non era un giocatore semplice, era un allenatore in campo. Onestamente, è stato davvero notevole. Bastava guardarla e ascoltarla. Con un gesto, sostituisci. In una parola semplice e giusta, ha rimesso a posto le cose con uno dei suoi compagni di squadra. Ha capito tutto insieme a me. E anche prima. Una volta non mi piaceva il posizionamento. Mi sono alzato dal sedile e mi sono subito seduto: Didier aveva già risolto il problema! Indossava infatti la divisa dell’allenatore sotto la maglia. Ogni allenatore ha bisogno di un legame tra se stesso e la squadra. Il mio collegamento era Didier.

Quando lo incontri, come si chiama?

“Maestro”, ma credo sia più per abitudine che per rispetto. Oggi è un amico. Prima era impossibile: un allenatore non dovrebbe essere un padre, un fratello maggiore o un amico. Deve essere una guida. I giocatori devono sentire che il loro allenatore li porterà al top. Non dovresti cercare di essere gentile o cattivo con loro, dovresti guidarli.

Didier Deschamps incarica il difensore Raphael Varane durante la partita contro il Portogallo del 23 giugno alla Puskas Arena di Budapest (Ungheria).

LP / Olivier Arendelle

Com’è il suo stile di allenamento?

Lui, come me, insiste su due parole: cooperazione ed equilibrio. Collaborazione perché ha questa capacità di far capire ai giocatori che la squadra è al di sopra di loro. Il loro desiderio di giocare ogni partita è meno importante dell’obiettivo finale. Il giocatore di alto livello, soprattutto se sotto scacco, ha un grande ego. Come tutti i grandi allenatori, la forza di Didier sta nell’entrare nella mente di un giocatore e insegnargli che il gruppo è più grande di lui. L’equilibrio è l’altro fondamento. Attaccare o difendere è fatto in modo equilibrato. Non solo alla vecchia maniera. Mania deve essere durante il gioco. Didier ricorda bene quello che ho detto quando ero alla guida della Juventus. Ha vinto così tanto come giocatore che sa che non succede per caso. Non dovresti mai lasciare l’organizzazione. Inizio !

Si è evoluto con la nuova generazione verso una maggiore psicologia e gentilezza?

Pensi che sia diventato carino e non abbia detto niente? Penso che se deve dire cose dure, lo fa, ma in privato. Ai suoi tempi, uno dei suoi collaboratori ha detto al giornale che la squadra non lo ha “aiutato”. Mi ha fatto impazzire e ho dovuto “strappargli la testa” davanti a tutti. Spiegandogli che non è niente senza i suoi compagni. Forse ora non devi dire cose davanti a tutti. Ma dobbiamo continuare da soli.

Solo tre uomini hanno vinto il Mondiale da giocatore e poi da allenatore: il brasiliano Zagallo, il tedesco Beckenbauer e Deschamps. Chi è il più forte?

Confrontare tre epoche non significa assolutamente nulla. Ciò che conta è celebrare la sua generazione. E Deshan è uno dei più grandi figli della sua generazione. Sono orgoglioso di lui.

Alcuni hanno stigmatizzato la scena che il blues a volte presenterà nel 2018…

(Taglia.) una schifezza! La Francia ha spesso fatto un ottimo spettacolo. A volte c’era una partita meno emozionante ma qual è stata la più importante? Cerchi sempre di giocare bene? Conosco molte squadre che sono state molto brave nel Campionato del Mondo o nell’Europeo. Non vincono mai. I vincitori sono coloro che, a volte, hanno accettato di essere efficaci per primi. La vera bellezza è alzare la coppa.

A volte Deschamps continua a scegliere giocatori a cui manca il tempo per giocare nel club. è normale ?

Sì, perché pensa prima all’idea del gruppo. Ricorda quello che ho detto sull’equilibrio, che gioca anche nel team building. Se il ragazzo è importante per il gruppo e può ancora aiutarti, puoi portarlo con te perché dimostra che il gruppo è sempre più importante degli individui. Ottenere il meglio dal momento non è una scelta. Didier è un uomo saggio.

Se la Francia vince l’Euro, cosa può motivare Deschamps?

pazienza. Guardami: dopo i Mondiali del 2006 posso dire di aver vinto tutto. Beh, a parte l’euro, ma ho una scusa: non ci ho mai giocato (Ridere) ! Poi ho preso l’Italia due anni dopo e sono andato in Cina dove ho amato aiutare questo Paese a crescere e ad organizzarsi. Non sempre fai il lavoro per arrampicarti. A volte devi accettare di scendere un po’. Ciò che conta è la costruzione.

Lo capisci quando dice che guidare la Francia è meno faticoso che dirigere un club?

Completamente. In un club, soprattutto di altissimo livello, giochi ogni tre giorni e pensi solo a questo. È come il cestello di una lavatrice. gira, gira. Ironia della sorte, è divertente stare sempre al centro di gravità. Ma coach, tu hai una risorsa fondamentale: il tempo di riflessione. È un comfort incomparabile. Soprattutto perché difendere il proprio paese è un grande prestigio. Non c’è niente sopra.

 
Segnala Abuso Articolo   |   « back - Torna indietro





ELENCO ULTIME AUDIZIONI

CATEGORIE