CAST e CASTING – Film, Cinema, Moda, Spot TV, Cortometraggi. Provini e Agenzie per Attori, Modelle, Cantanti, Ballerine, Promoter, Hostess, Steward …+ di 100 cast ogni giorno!


Rss 2.0 RSS - Casting per attori comparse provini cast TV     Home >> All Cast (Casting per attori comparse provini cast TV)

mar 20 2021

C’è un’altra versione dell’origine del mistico ospite del sistema solare “Oumuamua”.

Annuncio nella categoria: Altri 06:58

L’oggetto, che ha un nome leggermente pronunciato “Oumuamua” per la lingua lettone, è stato il primo oggetto spaziale interstellare che gli astronomi sono riusciti a catturare mentre viaggiavano attraverso il nostro sistema solare nell’ottobre 2017. Da tre anni gli scienziati si chiedono cosa sia e da dove proviene. Un’altra versione è stata annunciata, secondo i rapporti della CNN.

Il contenuto continuerà dopo l’annuncio

Pubblicità

forma strana

Non c’era molto tempo per osservare: gli astronomi hanno riparato questo oggetto solo quando stava già volando sopra il sole e ad una velocità di circa 315 mila chilometri all’ora si stava allontanando dal sistema solare. Allora, qual è esattamente l’oggetto dalla forma insolita “Oumuamua” – il residuo di una cometa, forse un piccolo asteroide? Il dibattito su questo continua. Ovviamente, questa cosa ha fatto molta strada e il suo nome – “Oumuamua” – può essere tradotto dall’hawaiano come “un messaggero del passato”. Ora gli astrofisici Stephen Dees e Alan Jackson del Dipartimento di Terra e Spazio dell’Arizona State University offrono un’altra versione: Oumuamua potrebbe essere i detriti di un pianeta nano simile a Plutone.

La versione originale della cometa o dei suoi resti era una congettura comprensibile: le comete potrebbero lasciare le loro “case” in altri sistemi stellari quando la loro orbita è alterata dalle forze gravitazionali di molti altri corpi. Il secondo ospite interstellare osservato nel nostro sistema solare è stata la cometa -2I / Borisov. Tuttavia, Oumuamua non aveva la caratteristica “coda” della cometa (quindi si pensava che potesse essere solo un residuo del nucleo della cometa) e la sua velocità di volo non favoriva l’emissione della cometa. Oumuamua differiva dalle comete in diversi modi, inclusa la sua velocità relativamente bassa con cui entrava nel Sistema Solare. Se avesse viaggiato attraverso lo spazio interstellare per più di un miliardo di anni, la velocità sarebbe stata più alta. Anche la forma era piuttosto insolita: assomigliava a un’enorme torta (un sigaro se visto di lato), non a nuclei di cometa, che assomigliavano esattamente a gigantesche palline di ghiaccio spaziali.

Foto: AP / Scanpix / LETA


“Per molti aspetti, ‘Oumuamua ricordava già una cometa, ma per altri era abbastanza strano da creare una certa aura di mistero attorno all’oggetto, il che ha incoraggiato la speculazione su cosa sia veramente l’oggetto”, spiega Desh in un comunicato stampa.

Effetto missile

C’è un altro aspetto importante che ha permesso a Desh e Jackson di arrivare alla prima conclusione su Oumuamua come i detriti di un pianeta nano associato al cosiddetto “effetto razzo”. Cioè, quando tali oggetti, comprese le comete, volano attraverso il sole (o qualsiasi altra stella), il ghiaccio di quell’oggetto evapora. È questo effetto che crea il coma (una guaina di gas e polvere) e talvolta la coda, che possiamo vedere molto bene. Dà anche accelerazione al corpo, proprio come un motore a razzo. Nel caso di Oumuamua, l’accelerazione osservata mentre l’oggetto passava davanti al sole era maggiore dell’accelerazione normalmente osservata dalle comete. Ciò ha portato i ricercatori a concludere che la formazione di ghiaccio di ‘Oumuamua potrebbe avere una composizione diversa.


Foto: AFP / Scanpix / LETA


In precedenza era stato detto che questa accelerazione a Oumuamua potrebbe essere stata dovuta all’evaporazione del ghiaccio d’acqua, ma Desch e Jackson hanno concluso che la migliore accelerazione e movimento a Oumuamua era nell’evaporazione del ghiaccio di azoto. La riflettività dell’oggetto corrisponde anche alle cose che già sappiamo, che sono costituite da ghiaccio di azoto. Nel nostro sistema solare, sia il pianeta nano Plutone che il satellite Titano sono ricchi di azoto ghiacciato. Pertanto, i ricercatori hanno proposto una versione secondo cui “Oumuamua” potrebbe essere parte di un pianeta simile a Plutone, separato dal pianeta a seguito di una collisione (un meteorite, collisione con un altro oggetto) e viaggiato fino a noi nel tempo. Collisioni simili sono state osservate nel sistema solare. Nettuno “si addormentò” diversi miliardi di anni fa nella sua attuale orbita all’interno della fascia di Kuiper. Di conseguenza, diversi oggetti nella fascia di Kuiper – resti della formazione planetaria nel sistema solare – si sono scontrati tra loro a causa della gravità del pianeta. Se un tale processo potesse essersi verificato nel nostro sistema solare, è molto probabile che si sarebbe verificato in un altro sistema planetario. “Ciò significa che Oumuamua potrebbe essere il primo esempio di un esopianeta che si forma in un altro sistema stellare che ci ha raggiunto”, hanno scritto gli autori dello studio.

Gli scienziati hanno scritto: “Se fosse fatto di azoto congelato, aiuterebbe anche a spiegare l’insolita forma piatta del corpo, con gli strati esterni di azoto congelato che evaporano gradualmente”, e hanno confrontato la forma del corpo con “l’appiattimento” del saponetta durante l’uso. . Dopo aver passato il sole, Oumuamua potrebbe aver perso più del 90% della sua massa quando è entrata nel sistema solare.

 
Segnala Abuso Articolo   |   « back - Torna indietro





ELENCO ULTIME AUDIZIONI

CATEGORIE