Home  |  Your Publicity here!  |  Shopping
Do you know a site of cast online? Submit Link
Casts in: USA, Canada, Italy, French, Germany 

Mooncasting.com – Mobi Multi-Search

 
Es. film xxx, New York, cast, urgent, agency@---, 333 --- ...

Arnaud Démare vincitore della 6a tappa del Giro al fotofinish

maggio 23, 2022 — Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:24 pm

Lo scenario di questa 6a tappa del Giro d’Italia assomigliava al suo profilo: piatto e tetro. Ma al termine di questi 190 km di noia, Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha vinto lo sprint di Scalea, davanti a Caleb Ewan (Lotto Soudal) – i due si sono staccati al fotofinish – e Mark Cavendish (Quick-Step ).

Arnaud Démare ha conquistato la sua settima vittoria di tappa al Giro d’Italia, la seconda in questa edizione dopo aver già vinto mercoledì a Messina. Mantiene la sua maglia ciclamino da leader della classifica a punti.

7

Con 7 vittorie di tappa al Giro d’Italia, Arnaud Démare è il corridore francese con più successi al Giro

La vittoria si è giocata sul lancio della moto sulla linea, mentre Démare ha dovuto cambiare traiettoria dopo essere rimasto un po’ bloccato sulla sinistra della strada, a seguito di un lavoro esemplare fino ad allora della sua squadra negli ultimi chilometri: “Sulla linea mi sento davanti, ma finché non era caduto il fotofinish la vittoria non c’era. Faceva davvero caldo ha testimoniato il francese al microfono di Eurosport dopo la gara. La squadra ha fatto di nuovo un lavoro enorme, un ottimo piazzamento, non avrei potuto avere di meglio. Dovevo trovare l’apertura: sentivo che Cavendish si stava chiudendo sulla sinistra, dovevo trovare le risorse per correggere il tiro oltre i 100 m. Sono tornato molto forte ma ho visto che sarebbe stato limitato per la vittoria. Finalmente lancio la bici…”

Il fotofinish della 6a tappa. (Cattura Eurosport)

A differenza di mercoledì, quando Cavendish ed Ewan erano rimasti indietro durante la tappa, questa vittoria di giovedì ha affrontato i contendenti più seri.

1/7

Arnaud Démare ha battuto per la prima volta Mark Cavendish nei 7 confronti diretti in volata dal 2019 (contro i 3 successi dell’inglese). (Fonte Fuoriclasse)

In precedenza, Diego Rosa (Eolo-Kometa) era stato a lungo in testa e in solitaria lungo la costa adriatica. Ma l’esito era noto in anticipo: le squadre di velocisti hanno controllato l’inseguimento, prendendo il controllo dell’italiano a 28 km dal traguardo, prima di chiudere con un lucchetto ciò che restava della tappa da percorrere. Nessun cambiamento in generale è da notare.

Giro d’Italia – Giro 2022 (TV / Streaming) su quale canale seguirà venerdì la settima tappa?

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:24 pm

Seguirà la 105a edizione del Giro 2022 – Giro d’Italia attraverso tre settimane di gare che promettono spettacolo, suspense e intensità. Una strada di oltre 3.430 chilometri attende i concorrenti su 21 tappe. Scopri il programma TV della settima tappa di venerdì 13 maggio 2022!

Tutte le informazioni (tappe, telecronisti, favoriti, ecc.) le trovate nella 105a edizione del Giro, che sarà seguita in diretta e integralmente su Eurosport dal 6 al 29 maggio, sul nostro sito comunicato stampa

Come tracciare il Giro 2022 sulle antenne Eurosport?

Tutte le fasi saranno seguite in diretta su Eurosport 1, Eurosport.fr e sull’app Eurosport. Ogni passo sarà circondato da Pedal Kings le diede a sua volta Geraldine Webber e Leslie Poitrelldecorato con disegni di dado.

L’evento sarà commentato Guillaume de Grazia e Jackie Duranda cui si unì successivamente Steve Chenell, David Moncotti, Philip Gilbert, Audrey Cordon Ragot Inoltre ospiti eccezionali tra cui Tony Gallopin. nell’area, Louis-Pierre Friulu e Florian Begon Raccoglierà interviste ai piloti.

Settima tappa: Diamante – Potenza 196 kmseguirà In diretta alle 11:55 su Eurosport 1. Trasmissione dalle 11:25 con la rivista “Les Rois de la Pédale” che troverete in diretta dalle 17:15 per il debriefing dal palco di oggi.

Vai a EUROSPORT.FR

come guardare Giro 2022 trasmissione ?

Guarda la trasmissione fornita da Eurosport Ti permette di guardare il Giro 2022 su TV, computer, tablet e smartphone. Se non sei un abbonato, trovi maggiori informazioni su clicca qui.

Iscriviti a EUROSPORT.FR

sintesi di meper me Sesta tappa giovedì 12 maggio

lanciato come una palla, Mark Cavendish Sega (Fast-Step Alpha Vinyl). Caleb Ewan (Loto Soudal) lo ha superato all’ultimo ettometro di Scalia ma lo stesso australiano è rimasto frustrato Arno Demiro (Groupama-FDJ) che ha avuto molta velocità per vincere la sesta tappa. Il corridore francese si presenta Il suo secondo successo In questo Giro 2022.

Presentazione della settima tappa venerdì 13 maggio

Venerdì 13 maggio la settima tappa della corsa ciclistica porterà il gruppo da Diamante a Potenza. Si prevede che questa tappa, che si trova in mezzo alla montagna, sarà difficile perché limiterà una distanza di 200 km Quattro corsie saranno salite su una strada difficile. Oltre alle due salite di III categoria, ci saranno il Monte Sereno (Classe I 24,4 km con una media del 3,8%) e il Monte Grande di Viggiano (Classe II 6,6 km con una media del 9,1%). Così i combattenti avranno un percorso favorevole per conquistare la vittoria di tappa mentre i cavalieri della classifica generale potranno provare a mettersi alla prova a vicenda.

Scorcio della tappa odierna

Eid al-Fitr 2022 in immagini: Preghiere mattutine nelle moschee mentre l’India festeggia

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:24 pm

residenza
/ Immagini
/ Notizia
/ Eid al-Fitr 2022 in immagini: Preghiere mattutine nelle moschee mentre l’India festeggia

  • Le persone in tutta l’India celebrano l’Eid al-Fitr il 3 maggio con l’avvento del mese sacro del Ramadan. Eid – una delle feste islamiche più importanti dura tre giorni.

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

1 / 16

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

La gente si riunisce per le preghiere di Eid al-Fitr a Jama Masjid a Nuova Delhi il 3 maggio 2022. L’Eid al-Fitr segna la fine del Ramadan e dura tre giorni (AP Photo/Manish Swarup)

2 / 16

I fedeli offrono una speciale preghiera mattutina per iniziare l'Eid al-Fitr, che segna la fine del mese sacro del Ramadan, presso la Moschea Jama Masjid.  (Foto di Jawhara Samad/AFP)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I fedeli offrono una speciale preghiera mattutina per iniziare l’Eid al-Fitr, che segna la fine del mese sacro del Ramadan, presso la Moschea Jama Masjid. (Foto di Joel Samad/AFP)

3 / 16

Shahnawaz Hussain, leader del Bharatiya Janata Party, esegue il namaz alla Moschea di Parliament Street a Nuova Delhi in occasione dell'Eid.

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

Shahnawaz Hussain, leader del Bharatiya Janata Party, esegue il namaz alla Moschea di Parliament Street a Nuova Delhi in occasione dell’Eid.

4 / 16

I devoti eseguono il namaz a Srinagar, Jammu e Kashmir durante l'Eid al-Fitr.  Il festival celebra feste, preghiere, riunioni di famiglia, lo scambio di doni e l'aiuto ai bisognosi.

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I devoti eseguono il namaz a Srinagar, Jammu e Kashmir durante l’Eid al-Fitr. Il festival celebra feste, preghiere, riunioni di famiglia, lo scambio di doni e l’aiuto ai bisognosi.

5 / 16

Il governatore del Kerala Arif Muhammad Khan esegue il namaz al Chandrasekharan Nair Stadium di Thiruvananthapuram in occasione dell'Eid.  (ANI)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

Il governatore del Kerala Arif Muhammad Khan esegue il namaz al Chandrasekharan Nair Stadium di Thiruvananthapuram in occasione dell’Eid. (ANI)

6 / 16

I devoti offrono namaz al Mahim Dargah di Mumbai in occasione dell'Eid al-Fitr.  (ANI)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I devoti offrono namaz al Mahim Dargah di Mumbai in occasione dell’Eid al-Fitr. (Ani)

7 / 16

Diminuzione dell'affluenza alle preghiere dell'Eid a causa del biglietto d'ingresso addebitato dall'ASI poiché i devoti musulmani hanno dovuto pagare 25 RS per entrare per l'offerta di Namaz alla moschea Ferozshah Kotla a Delhi a Nuova Delhi, India (Raj K Raj / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

Diminuzione dell’affluenza alle preghiere dell’Eid a causa del biglietto d’ingresso addebitato dall’ASI poiché i devoti musulmani hanno dovuto pagare 25 RS per entrare per l’offerta di Namaz alla moschea Ferozshah Kotla a Delhi a Nuova Delhi, India (Raj K Raj / Hindustan Times)

8 / 16

I musulmani eseguono la preghiera dell'Eid sotto la pioggia fuori dal santuario di Hazratbal & nbsp;  a Srinagar e Jammu e Kashmir.  (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I musulmani eseguono le preghiere dell’Eid sotto la pioggia fuori dal santuario di Hazrat Bal a Srinagar, Jammu e Kashmir (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

9 / 16

I devoti offrono namaz per l'Eid Ramadan nel parco della moschea IDGA a Thane (foto Praful Gangurde / HT)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I devoti offrono namaz per l’Eid Ramadan nel parco della moschea IDGA a Thane (foto Praful Gangurde / HT)

10 / 16

La gente arriva per le preghiere dell'Eid sotto la pioggia fuori dal santuario di Hazrat Bal a Srinagar (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

La gente arriva per le preghiere dell’Eid sotto la pioggia fuori dal santuario di Hazrat Bal a Srinagar (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

11 / 16

Le persone si salutano in occasione dell'Eid (foto Praful Gangurde / HT)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

Le persone si salutano in occasione dell’Eid (foto Praful Gangurde / HT)

12 / 16

I musulmani celebrano la preghiera in occasione dell'Eid al-Fitr nel cortile della Moschea Jameh nel Settore 20 a Chandigarh.  (Keshav Singh / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I musulmani celebrano la preghiera in occasione dell’Eid al-Fitr nel cortile della Moschea Jameh nel Settore 20 a Chandigarh. (Keshav Singh / Hindustan Times)

13 / 16

I devoti musulmani con bambini hanno diffuso un messaggio per indossare una maschera dopo aver eseguito le preghiere dell'Eid al-Fitr nel cortile del Jamia Masjid nel settore 20 a Chandigarh.  (Keshav Singh / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I devoti musulmani con bambini hanno diffuso un messaggio per indossare una maschera dopo aver eseguito le preghiere dell’Eid al-Fitr nel cortile del Jamia Masjid nel settore 20 a Chandigarh. (Keshav Singh / Hindustan Times)

14 / 16

BSF e Buck Rangers si scambiano dolci su Eid lungo il confine internazionale India-Pakistan a Jammu (Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

BSF e Buck Rangers si scambiano dolci su Eid lungo il confine internazionale India-Pakistan a Jammu (Hindustan Times)

15 / 16

I fedeli eseguono la preghiera a Srinagar (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

Aggiornato il 3 maggio 2022 16:43 IST

I fedeli eseguono la preghiera a Srinagar (Waseem Andrabi / Hindustan Times)

16 / 16

Il Primo Ministro del Punjab Bhagwant Mann prega e saluta le persone durante l'Eid al-Fitr a Mallakutla (Hindustan Times)

Aggiornato 3 maggio 2022 16:43 IST

Il Primo Ministro del Punjab Bhagwant Mann prega e saluta le persone durante l’Eid al-Fitr a Mallakutla (Hindustan Times)

Condividere

una top 10 per Fouillet e H

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:24 pm

Ancora una volta le francesine sono tornate da un importante torneo internazionale con risultati convincenti. Questo sabato, dopo il quarto round di Internazionali femminili italianedue di loro si sono piazzati nella top 10 finale.

Vairana Heck, Constance Fouillet e Carla de Troia, vincitrici del Trofeo delle Nazioni.

Costanza Fouillet è arrivato addirittura vicino alla top 5, ma ha finito per finire al 6° posto, a +7. La giocatrice de La Freslonnière ha firmato un cartellino da 74 (+2), per inserirsi tra le italiane Marta Spiazzi e Francesca Fiorellini. Dopo il Terre Blanche Ladies Open (4°) e la qualificazione all’Esmond Cup (3°), il giocatore bretone ha un terzo risultato convincente.

Settimana benefica, inoltre, per Vairana Diamine. Il giocatore dell’RCF La Boulie ha superato bene la crisi al secondo turno (80, +8), e con un 75 (+3) dell’ultima giornata, si classifica nono da solo, a +10. Questa è la sua seconda top 10 della stagione, dopo il suo secondo posto allo Junior Orange Bowl all’inizio di gennaio.

Terzo elemento della squadra francese vittoriosa del Trofeo delle Nazioni, Carla di Troia (Saint-Germain) ha consegnato un’ultima giornata in 76 (+4), conquistando così un 16° posto, a +15. Ultimo Habs ad entrare nella top 20 finale, Luisa Reau (Golf Club de Toulouse) ha restituito un cartellino di 78 (+6), per un 19° posto, a +17.

Giro alpino: il ritorno di Pino, l’incoronazione di Bardet

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:24 pm

Roman Bardet dopo aver vinto la 14a tappa del Tour de Spain il 28 agosto 2021 a Pico Velwercas, vicino a Navizolas JORGE GUERRERO

Romain Bardet ha vinto la gara di alpinismo venerdì, grazie a un colpo gentile sull’ultima salita della tappa finale, vinta da Thibaut Pinot a Linz (Austria), chiudendo tre anni di rarità.

A due settimane dall’inizio del Giro d’Italia, il 31enne Bardi è diventato il terzo francese a vincere questa corsa a tappe tra Italia e Austria, dopo Luc Leblanc nel 1997 e Thibaut Pinot nel 2018, un anno prima del suo successo a Tourmalt nel mese di luglio. 2019 al Tour de France, il suo ultimo successo finora.

Nella classifica generale, Bardet è davanti a Michael Storer (Groupama FDJ) di 14 secondi e al compagno di squadra Thiemen Arinsmann di 16 secondi.

In un’imboscata nel gruppo, Bardet ha dominato per due giorni il suo diretto avversario, la maglia verde del capitano spagnolo Belo Bilbao (Bahrain), prima di lasciarlo andare irrevocabilmente in finale per cancellare i suoi due secondi di ritardo all’inizio della tappa.

“Sono davvero felice di questa vittoria, soprattutto in arrivo. Sono orgoglioso del nostro team. Sono passati due anni di sviluppo e tutti hanno aderito al progetto. Inoltre, questo inverno abbiamo guidato molto con Thymen (Arensman). Vedendo che eravamo insieme in questo gruppetto formato dalle tre persone davanti al gruppo alla fine, mi sono detto + È bello, non ci vedranno più +. E Thymen ha interpretato il suo ruolo molto bene”. Lo scalatore ha commentato il suo arrivo.

Bilbao è salito sul podio di soli 40 secondi su Bardet e gli è stato persino negato il podio.

Pinot si è preso la rivincita sul duro scenario di giovedì, quando il colombiano Miguel Angel Lopez (Astana) lo ha depositato nell’ultimo chilometro, vincendo la gara contro lo spagnolo David de la Cruz (Astana).

“Vincere è per me una grande soddisfazione, oltre alla gara di alpinismo che è il mio evento preferito. Vincere qui è qualcosa di molto potente per me”, ha detto Pinot, 31 anni, all’arrivo a Eurosport.

“Oggi mi sono arrabbiato. Anche se pioveva, lo volevo e sapevo di avere delle gambe fantastiche”, ha anche aggiunto al microfono del canale di L’Equipe.

Pino e de la Cruz sono scappati dai primi chilometri con decine di corridori a bordo, in condizioni meteo terribili miste a vento e pioggia, molto comodi sulla discesa di Banberg, poi separati per ritrovarsi “Manu Mano” al traguardo, non recuperato dal gruppo inseguitore, svanito con l’avvento delle difficoltà.

Sulla strada per il Tour de Romandie – rts.ch

aprile 30, 2022 — Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

sensazione Merckx

Nel maggio 1968, quando una rivoluzione studentesca incendiò Parigi, Eddie Merckx era all’inizio del Tour de Romande. Poche ore prima della scadenza dell’orario di apertura della squadra, il giornalista Jean-Jacques Tillmann ha parlato con lui a Ginevra. Un anno fa, il 23enne belga, campione del mondo su strada, ha vinto la sua prima partita alla Parigi-Roubaix ad aprile. Il modulo esiste. Eddie Merckx sarà il grande vincitore di questa 22a edizione. Il fuoriclasse confermerà tra poche settimane la sua vittoria al Giro d’Italia.

Crossroads – Inserito l’8 maggio 1968

Fenomeno di Henault

Nel 1980 Breton, già due volte vincitore del Tour de France, si autoinvitò al Tour de Romandie. Mostrerà la sua indomabile volontà ritraendosi in particolare mentre scala l’Alpe des Chaux nella terza tappa dell’antologia.

Bernard Hinault, ciclista campione in acciaio temprato. [RTS]

Ciclismo – Inserito il 26 aprile 1997

Trilogia di Stephen Roach

Il Tour de Romandie ha permesso di mettere in evidenza i valori crescenti nel ciclismo. Questo è stato il caso di Stephen Roach. Dopo essere diventato professionista nel 1981, è entrato a far parte del team Peugeot. Ha vinto tre gare a tappe, ma ha avuto un anno piuttosto negativo nel 1982. Nel 1983, il suo giovane talento è sbocciato sulle strade della Svizzera romanda. Guida il podio, mentre il compagno di squadra Phil Anderson è secondo.

Un anno dopo, l’irlandese ha dovuto affrontare una concorrenza agguerrita: quella di Laurent Fignon, vincitore del Tour de France 1983, ma soprattutto quella di Jean-Marie Grizzie di Neuchâtel, che era vicino a quell’impresa.

Doppia vittoria per Stephen Roach nel 1983 e nel 1984 [RTS]

Ciclismo – Inserito il 26 aprile 1997

Nel 1987, gli irlandesi tornarono di nuovo in cima. Con le sue tre vittorie, è stato e rimane ancora oggi il detentore del record in questo evento. Dopo aver vinto nel 1987, Stephen Roach ha vinto uno per uno il Giro, il Tour de France e il Campionato del mondo su strada.

Grandi notizie per i coltivatori di riso! Esportazione di riso nell’anno fiscale 2022-23 per assistere a un grande impulso

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

Nell’ultimo decennio, l’India è stata il più grande esportatore mondiale di riso, con i proventi delle esportazioni che hanno raggiunto il massimo storico di 8,7 miliardi di dollari nel 2020-2021.

Dopo una spedizione record di quasi 20 milioni di tonnellate di grano per un valore di oltre 9,6 miliardi di dollari nel 2021-22, si prevede che le esportazioni di riso dell’India continueranno a crescere fortemente nell’anno fiscale in corso (2022-2023).












È probabile che la produzione di riso, principalmente un raccolto autunnale, tragga beneficio dalle piogge monsoniche “normali” previste quest’anno. Nell’ultimo decennio, l’India è stata il più grande esportatore mondiale di riso, con i proventi delle esportazioni che hanno raggiunto il massimo storico di 8,7 miliardi di dollari nel 2020-2021.

Fonti ufficiali hanno affermato che le esportazioni di riso continueranno ad aumentare durante l’anno fiscale in corso a causa di fattori quali l’eccesso di scorte interne e la prospettiva di forti raccolti autunnali. La stagione autunnale rappresenta oltre l’80% della produzione di riso in India

Al 1 aprile 2022, la Food Corporation of India (FCI) ha uno stock di riso di oltre 32 tonnellate, rispetto allo standard di 13,58 tonnellate. Tuttavia, questo inventario non include le 22 tonnellate di riso che FCI non ha ancora ricevuto dai mulini.

“Abbiamo scorte di riso più che sufficienti per soddisfare le esigenze del PDS”, ha affermato una fonte.












Secondo il rapporto sulle prospettive del riso del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) per aprile, il commercio mondiale di riso nell’anno solare 2022 dovrebbe raggiungere un nuovo massimo di 52,5 tonnellate, con le esportazioni di riso indiano che dovrebbero aggirarsi intorno alle 21 tonnellate e le esportazioni di riso vietnamita dovrebbe essere di circa 6 tonnellate.

Secondo DGCIS, l’India ha esportato riso in più di 150 paesi nel 2021-22. “Mostra la diversificazione delle esportazioni di riso dell’India nel tempo”, ha affermato un funzionario del ministero del Commercio.

Oltre agli Stati Uniti e all’Unione Europea, l’India vende il suo riso basmati aromatico a chicco lungo in Arabia Saudita, Iran e altri paesi del Medio Oriente. Il Benin, paese dell’Africa occidentale, è uno dei maggiori importatori di riso non basmati.

Secondo le seconde stime avanzate per il 2021-22, la produzione di riso nella stagione agricola 2021-22 (luglio-giugno) dovrebbe raggiungere un nuovo massimo di 127 tonnellate, 11 tonnellate in più rispetto alla media quinquennale precedente di 116 tonnellate metriche.












Dopo la Cina, l’India è il secondo produttore di riso al mondo. Le esportazioni record consentiranno ai produttori di riso di ridurre le loro scorte, il che aiuterà gli agricoltori poiché si prevede che la crescente domanda di riso indiano aumenterà i loro profitti.











Pubblicato per la prima volta il: 27 aprile 2022 alle 12:56 IST


L’Italia propone una tripletta – Francs Jeux

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

— Inserito il 29 aprile 2022

Giochi universitari

Il 2026 sarà un anno molto italiano nel movimento sportivo internazionale. Dopo i Giochi Invernali di Milano e Cortina d’Ampezzo, ei Giochi del Mediterraneo di Taranto, l’Italia ha appena vinto l’organizzazione di un nuovo evento multisport: i Giochi Universitari Europei. Si svolgeranno tra luglio e agosto 2026 a Salerno, città di 135.000 abitanti situata in Campania, nel sud-ovest del Paese. Con questa nuova interpretazione, lo sport italiano completa ancora una volta un catalogo di competizioni che comprendeva anche l’European Youth Winter Olympic Festival (EYOF) nel 2023 e i World University Winter Games di Torino nel 2025. Si è svolta la prima edizione degli European University Games nel 2012 a Cordova, in Spagna. Ha riunito più di 2.500 studenti-atleti provenienti da 32 paesi. La prossima edizione è prevista per quest’anno a Lodz, in Polonia (17-30 luglio). Il prossimo si terrà nel 2024 a Debrecan-Miskolc, in Ungheria.

versione ingleseL’Italia segna una tripletta

Etichette: Giochi universitari

Raid record per 2 Eurofighter italiani

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

Raid record per 2 Eurofighter italiani

Raid record per 2 Eurofighter italiani

© Ministero della Difesa

Il Ministero della Difesa italiano ha annunciato che due caccia Eurofighter hanno effettuato un volo di durata record per la flotta Eurofighter italiana. Questo volo è stato effettuato nell’ambito del supporto ISR italiano alla lotta contro Daesh.

Supporto SRI nella lotta contro Daesh

L’Italia partecipa alla lotta contro Daesh fornendo quattro aerei da combattimento alla coalizione di Stati. Questi aerei, progettati dalla base aerea di Ali Al Salem (Kuwait City, Kuwait), svolgono missioni di ricognizione (ISR) a beneficio della coalizione. L’Italia partecipa a questa coalizione dal 2014 grazie a quattro Eurofighter o Tornado IDS equipaggiati con il pod RecceLite II.

È un pod elettro-ottico creato da Rafael Advanced Defense Systems. È in grado di raccogliere immagini in tempo reale, giorno e notte tramite una telecamera stabilizzata in tutte le direzioni. Il pod può anche trasmettere video in diretta a una stazione di terra o al personale dotato di un sistema Ricevitore avanzato video comandato a distanza (ROVE). La distanza massima di trasmissione è di circa 185 km.

Un volo da record

Il 14 aprile due caccia italiani Eurofighter sono decollati dal Kuwait per una nuova missione di ricognizione sull’Iraq. Questi velivoli effettueranno poi un volo della durata di otto ore, record per l’intera flotta Eurofighter dell’Aeronautica Militare. Entrambi gli aerei sono stati riforniti più volte di carburante da petroliere della coalizione. A differenza del Tornado, gli Eurofighter non hanno un secondo posto per un navigatore in grado di gestire efficacemente il pod. Quest’ultimo ha però un’opzione prevista per i velivoli monoposto: può essere utilizzato in modalità automatica. In questo caso specifico è necessario inserire le coordinate GPS dei punti di interesse da fotografare o filmare tramite il Sistema di pianificazione della missione (MPS). Il pod si attiverà quindi automaticamente non appena l’aereo si avvicinerà al punto da analizzare.

Il contingente italiano schierato presso la base aerea di Ali Al Salem comprende, oltre al personale aeronautico, analisti dell’intelligence per poter effettuare le varie analisi delle foto e dei video raccolti durante ogni volo.

Italia Eurofighter Eurofighter Typhoon Aeronautica Militare Italiana Record di resistenza Rafael

|
| Accedi | iscrizione

Dal 27 Aprile le “Giornate del Cinema Europeo” a Lecce

aprile 23, 2022 — Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

L’Associazione Culturale Art Promotion, in collaborazione con il Parlamento Europeo, presenta le “Giornate del Cinema Europeo”, evento di anticipazione della XXIII edizione del Festival del Cinema Europeo che si svolgerà a Lecce nel prossimo autunno.

Con questo appuntamento il Festival del Cinema Europeo rinnova il suo impegno alla diffusione del cinema europeo ed alla formazione del pubblico, favorendo percorsi di approfondimento con una partecipazione attiva. L’evento, infatti, prevede la presentazione dei tre film finalisti concorrenti al Premio Lux del Pubblico 2022, riconoscimento istituito dal Parlamento Europeo per promuovere il cinema europeo e per rafforzare i legami tra la politica e i cittadini, invitando gli spettatori europei a diventare protagonisti attivi votando i loro film preferiti.

Le giornate in programma sono complessivamente 8 (5 dedicate esclusivamente alle scuole del territorio e 3 aperte al pubblico) e prevedono la presentazione, la proiezione ed il dibattito finale di approfondimento dei tre film finalisti della seconda edizione del Premio Lux del Pubblico, annunciati durante la cerimonia tenutasi l’11 dicembre scorso a Berlino: Quo Vadis, Aida? di Jasmila Žbanić, Great Freedom di Sebastian Meise, Flee di Jonas Poher Rasmussen.

Le pellicole selezionate sono ispirate a eventi reali, parlano di vulnerabilità e divisioni, ma anche del potere curativo della tolleranza e della compassione.

Di seguito gli appuntamenti per il pubblico leccese che si svolgeranno presso la Sala 2 del Multisala Massimo, con un biglietto di ingresso di 3 euro:

 

Mercoledì 27 aprile ore 20:30

Quo Vadis, Aida? di Jasmila Žbanić

Aida è una traduttrice delle forze di pace, arrivate nell’estate 1995 a Srebrenica. La sua famiglia è tra le centinaia di civili in cerca di un rifugio nel campo delle Nazioni Unite. Aida scopre che un terribile destino attende la sua famiglia e il suo popolo, ma potrà fare qualcosa per fermarlo?

 

Mercoledì 4 maggio ore 20:30

Great Freedom di Sebastian Meise

Nella Germania del dopoguerra, Hans viene imprigionato più volte per la sua omosessualità. Il protagonista viene sistematicamente privato della propria libertà, per aver infranto l’articolo 175 del Codice penale tedesco. L’unica costante nella sua vita diventa Viktor, il suo compagno di lunga data in cella, un assassino condannato per omicidio.

 

Mercoledì 11 maggio ore 20:30

Flee di Jonas Poher Rasmussen

Amin ripercorre il suo viaggio, quello di bambino rifugiato afgano, che arriva in Danimarca da solo. Nel film, il protagonista prova a fare pace col suo passato, ma anche con se stesso e con i segreti che ha dovuto continuare a nascondere.

 

Il pubblico che seguirà le “Giornate del Cinema Europeo” potrà contribuire alla scelta del film vincitore, partecipando alla più grande Giuria d’Europa, esprimendo il proprio giudizio sulla piattaforma di voto https://luxaward.eu/it#voting fino al 25 maggio 2022.

Votando, si avrà la possibilità di vincere il biglietto per la Cerimonia del Premio LUX del pubblico che si terrà l’8 giugno 2022 presso il Parlamento Europeo a Strasburgo.

Il nuovo premio nato dalla sinergia fra il precedente Premio LUX (istituito nel 2007 come simbolo dell’impegno del Parlamento europeo a favore della cultura) ed il People’s Choice Award (il premio della European Film Academy assegnato dagli spettatori) continuerà a creare ponti culturali in tutta Europa, mettendo in risalto le pellicole che si collocano al centro del dibattito pubblico europeo.

 

Un cenno a parte meritano i 5 appuntamenti dedicati agli studenti delle scuole superiori (IIS Oriani-Tandoi, IISS Federico II Stupor Mundi e ITET Tannoia di Corato, Liceo Tedone e ITET Tannoia di Ruvo di Puglia) che saranno in grado di arricchire il programma di studi dal punto di vista storico-sociale e artistico-culturale e di animare un proficuo dibattito sulle tematiche attuali.

Con questa attività il Festival del Cinema Europeo mantiene vivo durante tutto l’anno la sua missione formativa.

A causa del perdurare delle difficoltà logistiche legate alla situazione emergenziale, sarà il Festival a “portare” agli studenti il cinema (e i suoi protagonisti) direttamente nelle scuole.

 

Il Festival del Cinema Europeo, ideato e organizzato dall’Associazione Culturale “Art Promotion”, è realizzato con il sostegno di Regione Puglia e Fondazione Apulia Film Commission, Ministero della Cultura-Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, Comune di Lecce e si pregia del Patrocinio del Parlamento Europeo.

 

www.festivaldelcinemaeuropeo.com

Cast Online sul sito: http://www.apuliafilmcommission.it/da-aprile-le-giornate-del-cinema-europeo-a-lecce/

Zykalala: è ora di agire sul cambiamento climatico

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

Il primo ministro KwaZulu-Natal, Sihel Zikalala.

Il Primo Ministro del KwaZulu-Natal, Sihel Zikalala, fa appello a tutti affinché facciano la propria parte nella lotta al cambiamento climatico.

Ciò è avvenuto giovedì durante la preghiera del venerdì tenutasi presso il Durban Exhibition Center in memoria delle vittime delle recenti inondazioni, Zikalala.

Ha affermato che l’impegno del governo ad affrontare il cambiamento climatico è stato supportato da prove basate su scienza, equità e sviluppo sostenibile.

Il cambiamento climatico colpisce quasi ogni aspetto della nostra vita e il riscaldamento globale è in gran parte causato dalle attività umane. Scene di inondazioni, temporali e ondate di calore ci mostrano come il cambiamento climatico stia influenzando le nostre vite.

Zikalala ha detto:

“Tutti questi modelli climatici in cambiamento diventeranno più gravi solo se non agiamo per fermare le emissioni di gas serra”.

Ha affermato che il Sud Africa ha aggiornato il suo contributo determinato a livello nazionale (NDC) a basse emissioni e ha anticipato l’anno in cui le emissioni sarebbero diminuite dal 2035 al 2025.

Il contributo determinato a livello nazionale (NDC) rivisto è conforme al limite di temperatura della Convenzione di Parigi di “ben al di sotto dei 2 gradi” e al limite di temperatura di 1,5 gradi.

“Il nostro Paese continuerà a insistere per una transizione giusta verso le tecnologie verdi e le fonti di energia pulita. Poiché trattiamo il cambiamento climatico come un’emergenza globale, dobbiamo anche garantire che nessuno rimanga indietro mentre creiamo nuovi posti di lavoro che mettano la protezione ambientale al primo posto cuore di come produciamo e consumiamo come nazione”.

Questo è il momento di mobilitare tutti i sudafricani perché siano nemici dell’inquinamento e del danno ambientale.

“È tempo che tutti noi lavoriamo insieme per combattere le sfide della povertà, della disoccupazione e della disuguaglianza, che rendono i più poveri tra i poveri ancora più vulnerabili agli effetti devastanti del cambiamento climatico”, ha affermato.

Riassunto della vittoria delle azzurre sugli italiani

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

pubblicato Il 27/03/2022 19:26

Aggiornare Il 27/03/2022 22:01

Articolo di

I Bleues hanno battuto facilmente l’Italia domenica nella loro prima partita del torneo.

Entrata di successo nel blues. La squadra francese di rugby femminile ha ottenuto la sua prima vittoria sull’Italia (39-6) domenica (27 marzo) nella sua prima partita del Campionato Sei Nazioni. Allo Stade des Alpes pieno di 13.000 spettatori, gli Habs hanno vinto il bonus offensivo.

Nonostante alcune sciocchezze (14 errori nella mano),Giocatori di Annick Erode Registra un totale di cinque tentativi. Basta battere le attraenti e disciplinate Transalpine, ma soprattutto agguantare il punto bonus offensivo a fine partita, che può essere decisivo in casa.

I Blues non nascondono le loro intenzioni: aspirano a vincere i quattro tornei principali, il primo dal 2018. Nella prossima partita, sabato 2 aprile a Tolosa ospiteranno l’Irlanda. Intanto gli italiani cercheranno di riprendersi in patria dall’orco inglese.

condivisione :

Sottoscrizione alla Newsletter

Tutte le novità nel video

Ricevi le basi delle nostre notizie con la nostra newsletter

Sottoscrizione alla Newsletter

France Télévisions utilizza il tuo indirizzo email per inviarti newsletter.

le cose sullo stesso argomento

argomenti correlati

Visto dall’Europa

Il canale Franceinfo seleziona quotidianamente i contenuti dei media audiovisivi europei, membri di Eurovision. Questi contenuti sono pubblicati in inglese o francese.

Il packaging #WhiteCard raggiunge un pubblico di 171 milioni di persone in 113 paesi

— Filed under: Film / TV / Cinema @ 11:23 pm

Pace e Sport hanno lanciato il 6 aprile una straordinaria mobilitazione internazionale attorno al simbolo #WhiteCard.

In un contesto geopolitico teso, con lo slogan “Lo sport è una risposta. Alza la tua #WhiteCard”, la campagna WhiteCard 2022 dell’Organizzazione per la pace e lo sport ha invitato il mondo intero a dimostrare il suo impegno per il dialogo e la pace attraverso lo sport.

mobilitazione globale

La campagna digitale WhiteCard ha raggiunto 171 milioni di persone sui social media. È stato caratterizzato da una straordinaria ondata di creatività e unità in molti paesi, in particolare in Francia, Monaco, Messico, Portogallo, Grecia, Svizzera, Stati Uniti, Regno Unito, India, Pakistan, Italia, Marocco, Colombia, Tanzania, Ruanda , Togo, Burkina Faso e Nigeria.

Campioni della Pace, Atleti, Federazioni Internazionali, Comitati Olimpici Nazionali, organizzazioni internazionali tra cui il Comitato Olimpico Internazionale, ONG ed enti pubblici hanno aderito all’appello per la pace dietro la #WhiteCard.

A proposito di celebrazioni mondiali, Joel Pozzo, Presidente e Fondatore di Pace e Sportannunciato:

“È bello vedere che la pace attraverso il movimento sportivo gode di un sostegno così straordinario e diversificato. La nona edizione della campagna WhiteCard è riuscita a sottolineare che lo sport può contribuire a costruire una cultura di pace. Questi risultati sono motivo di orgoglio per il nostro organizzazione e il Principato di Monaco Abbiamo fatto un ulteriore passo avanti: persuadere i decisori a includere lo sport nei programmi e nelle iniziative di costruzione della pace.

Eroi impegnati per la pace

Mobilitare 45 organizzazioni Champions of Peace per promuovere lo sport come strumento per lo sviluppo e la pace.
All’Assemblea Generale della World Olympias Association al Cairo, Campione burundese per la pace e unico medaglia d’oro, Venusti Nyungaboanche Direttore Generale della Pace e dello Sport, Jean-Jérôme Perrin-Murtier, risultati del Progetto Peacemakers in Burundi, ed evidenzia le risposte tangibili che lo sport può ottenere per costruire la pace. Dopo l’evento, gli atleti africani ei rappresentanti della NOA hanno alzato il cartellino bianco a sostegno della pace.

Campioni della pace Pierre Frolla – campione del mondo in apnea, e Marilyn Harnois – medaglia olimpica di taekwondoha partecipato a una presentazione della metodologia Pace e Sport, incentrata sul trasferimento di valori, a Expo Dubai 2020. A questo evento è seguita una conferenza volta a sensibilizzare sulla celebrazione della Giornata internazionale dello sport al servizio dello sviluppo e Pace al Padiglione di Monaco.

Durante un convegno organizzato in collaborazione con l’Università di Parigi Nanterre, Campioni della pace Benjamin Bokpetti – l’unica medaglia olimpica togolese, Diana Gandega – la campionessa africana, e Laurence Fisher – ambasciatrice sportiva presso il Ministero per l’Europa e gli Affari Esteri., le loro esperienze nel campo della pace attraverso lo sport con gli studenti del corso di laurea magistrale “Sport e scienze sociali”. Alla conferenza hanno partecipato anche Mahaweya Oro Komone – Presidente dell’ONG Terres-en-Mêlées Togo, Philippe Rio – Sindaco di Grigny e Vincent Pasquini – Capo della Cooperazione Internazionale a Parigi 2024.

Il 9 aprile, prima della partita, i giocatori della squadra di calcio greca dell’Olympiacos e della squadra di calcio ucraina dello Shakhtar Donetsk hanno dimostrato che il calcio può essere utilizzato come strumento di pace alzando il cartellino bianco. Campione della pace e attuale direttore sportivo dell’Olympiacos Christian Karembeu Ha anche aderito alla mobilitazione globale.

La pace e lo sport ringrazianoil principe Alberto II Per il suo grande sostegno, Champions for Peace, così come tutti gli attori di Sport for Peace che hanno sostenuto la campagna e condotto iniziative concrete per la pace attraverso lo sport sul campo.

Nei prossimi mesi, Peace and Sports seguirà un’ambiziosa strategia di monitoraggio e valutazione nell’ambito del Peacemakers Project, un programma internazionale implementato in collaborazione con 10 organizzazioni di base in 3 continenti.

Insieme, possiamo amplificare l’impatto delle iniziative sportive per costruire una cultura di pace. Promuoviamo i valori del 6 aprile tutto l’anno!

25 queries. 0,317 seconds. | Powered by MoonCasting

Switch to our mobile site