CAST e CASTING – Film, Cinema, Moda, Spot TV, Cortometraggi. Provini e Agenzie per Attori, Modelle, Cantanti, Ballerine, Promoter, Hostess, Steward …+ di 100 cast ogni giorno!


Rss 2.0 RSS - Casting per attori comparse provini cast TV     Home >> All Cast (Casting per attori comparse provini cast TV)

Dic 27 2021

Scopri le scoperte più importanti sui primi esseri umani nel 2021

Annuncio nella categoria: Altri 08:48

Dubai, Emirati Arabi Uniti (CNN) – La storia dell’umanità, rappresentata da domande come “Da dove veniamo?”, è avvenuta. e How Did We Evolve?, su un nuovo capitolo nel 2021.

Grazie alle nuove scoperte fossili e all’analisi del DNA antico conservato nei denti, nelle ossa e nella terra delle caverne, gli scienziati hanno fatto scoperte sorprendenti sui nostri antenati dell’Homo sapiens e su altri esseri umani preesistenti.

Ecco 6 delle scoperte più rivoluzionarie di quest’anno sulla preistoria umana che compongono l’albero genealogico umano in modi affascinanti e inaspettati.

I primi americani

Si crede che le impronte appartengano ai bambini Credito: per gentile concessione di Matthew Bennett/Università di Bournemouth

Le impronte scavate nel terreno fangoso ai margini di una zona umida, in quello che oggi è il New Mexico, sembrano stampate ieri, ma non lo sono.

La scoperta di tracce di pressione sulla Terra tra 21.000 e 23.000 anni fa ha portato a un’importante inversione della storia umana nelle Americhe, l’ultimo continente in cui si sono stabiliti gli umani.

Fino a poco tempo, l’opinione prevalente era che le persone si avventurassero nel Nord America dall’Asia attraverso la Beringia, il ponte di terra che un tempo collegava i due continenti, alla fine dell’era glaciale circa 13.000 anni fa.

Queste tracce, che si ritiene appartengano ai bambini, sono state scavate in un momento in cui molti scienziati credevano che enormi lastre di ghiaccio bloccassero il passaggio degli umani verso il Nord America, suggerendo che gli umani fossero lì anche prima di allora.

“Uomo Drago”

Descritto come la scoperta fossile più significativa degli ultimi 50 anni, il cranio, nascosto in fondo a un pozzo nella Cina nord-orientale per più di 80 anni, potrebbe rappresentare una specie completamente nuova di essere umano.

Il cranio ben conservato, trovato nella città cinese di Harbin, ha tra 138 e 309 mila anni, secondo l’analisi geochimica, e combina caratteristiche primitive, come un naso largo e un sopracciglio basso, con quelle che ricordano molto da vicino l’Homo sapiens, compresi gli zigomi piatti. .

I ricercatori hanno chiamato la nuova specie “Homo longi” dal nome della provincia di Heilongjiang dove è stato trovato il teschio, che letteralmente significa fiume del drago nero, e la scoperta divenne nota come “Uomo Drago” Da quando è stato annunciato lo scorso giugno.

La speranza è di estrarre DNA o altro materiale genetico dal fossile per saperne di più su Dragon Man, in particolare se potrebbe essere un rappresentante dei Denisova, un gruppo umano sconosciuto e misterioso.

Sporco di caverna

Per secoli, gli archeologi hanno cercato nelle caverne denti, ossa e strumenti nella speranza di raccogliere indizi su come vivevano i nostri antenati e che aspetto avevano.

Ora, nuove tecniche per catturare il DNA conservato nei depositi delle caverne stanno permettendo agli scienziati di identificare i nostri primi antenati senza dover trovare fossili, solo sporcizia dalle caverne in cui vivevano.

Nel 2021, il DNA umano, contenente informazioni più dettagliate rispetto al DNA trovato negli organelli delle cellule umane, è stato raccolto per la prima volta dalla polvere delle caverne, rivelando dettagli su Neanderthal o Neanderthal.

Tecniche simili fanno luce su animali estinti come il mammut lanoso.

“Esaminare i sedimenti per il DNA è un punto di svolta per noi, ci indirizzerà nei posti giusti e ci farà risparmiare tempo”, ha affermato Katerina Duka, assistente professore di archeologia presso il Dipartimento di Antropologia Evolutiva dell’Università di Vienna e un ricercatore associato al Max Planck Institute for the Science of Human History in Germania. E un sacco di soldi.”

prima moda

Contrariamente a quanto pensavamo, le prove archeologiche su cosa indossassero i nostri antenati dell’età della pietra e su come realizzassero i loro vestiti sono insufficienti.

Materiali come pelliccia, pelle e altri materiali organici generalmente non vengono conservati, soprattutto per più di 100.000 anni.

Tuttavia, i ricercatori affermano che 62 strumenti ossei usati per trattare e levigare le pelli di animali trovati in una grotta situata in Marocco potrebbero essere alcune delle più antiche prove di abbigliamento umano nella documentazione archeologica.

Gli strumenti hanno tra i 90 e i 120.000 anni e venivano usati per fare la pelle, e alcuni lavoratori della pelle usano ancora strumenti in osso simili fino ad oggi.

Cervelli di Neanderthal

Scopri le scoperte più importanti sui primi esseri umani nel 2021
Gli organelli del cervello di Neanderthal a sinistra dell’immagine hanno un aspetto molto diverso dagli organoidi del cervello umano moderno a destra dell’immagine Attestazione: MUOTRI LAB / UC SAN DIEGO

Il materiale del cervello non è ben conservato nei reperti fossili, rendendo impossibile dire in che modo il cervello degli umani moderni differisca dai nostri antenati estinti da tempo, i Neanderthal.

Dalla scoperta di teschi fossili, sappiamo che i loro cervelli erano grandi, un po’ più grandi dei nostri, ma ci dicono poco delle neuroscienze e della loro evoluzione.

Scienziati dell’Università della California, San Diego, hanno escogitato un modo entusiasmante per iniziare a rispondere a questa domanda: hanno creato blocchi di tessuto cerebrale geneticamente modificati per trasportare il gene appartenente ai Neanderthal e agli ominidi arcaici, ma non all’Homo sapiens.

Sebbene la ricerca sia ancora in una fase iniziale, i ricercatori hanno scoperto che gli organelli cerebrali di Neanderthal hanno prodotto importanti cambiamenti nel modo in cui il cervello è organizzato e cablato.

La storia più antica mai raccontata?

Indonesia
Credito: Credito: AA Oktaviana

La più antica arte rupestre figurativa conosciuta creata dall’uomo è stata scoperta lo scorso gennaio.

Dipinto con un pigmento rosso noto come “ocra rossa” nelle grotte calcaree dell’isola indonesiana di Sulawesi, l’opera d’arte raffigura una scena di un maiale verrucoso impegnato in una lotta o in un’altra interazione con due maiali verrucosi.

L’opera d’arte ha almeno 45.000 anni, il che rende questo disegno preistorico la prima storia dipinta conosciuta nella storia.

 
Segnala Abuso Articolo   |   « back - Torna indietro





ELENCO ULTIME AUDIZIONI

CATEGORIE