CAST e CASTING – Film, Cinema, Moda, Spot TV, Cortometraggi. Provini e Agenzie per Attori, Modelle, Cantanti, Ballerine, Promoter, Hostess, Steward …+ di 100 cast ogni giorno!


Rss 2.0 RSS - Casting per attori comparse provini cast TV     Home >> All Cast (Casting per attori comparse provini cast TV)

Mar 15 2022

Quasi 30 milioni di persone sono bloccate in Cina, una crisi senza precedenti

Annuncio nella categoria: Altri 09:22
<!–

–>

Coronavirus cinese: domenica milioni di persone in tutta la Cina hanno subito il blocco.

Pechino:

Quasi 30 milioni di persone sono state rinchiuse in tutta la Cina martedì, poiché un picco di casi di virus ha spinto i controlli di massa e i funzionari sanitari adeguati a tornare nelle strade cittadine su una scala che non si vedeva dall’inizio della pandemia.

Martedì la Cina ha segnalato 5.280 nuovi casi di Covid-19, più del doppio del conteggio del giorno precedente, poiché la variante altamente diffusa di Omicron si diffonde in tutto il paese che è stata strettamente collegata alla strategia “zero Covid”.

Questo approccio, incentrato su rigidi blocchi interni e lascia la Cina praticamente isolata dal mondo esterno per due anni, sembra essere in gioco mentre Omicron si fa strada nelle comunità.

Almeno 13 città sono state chiuse in tutto il paese martedì e molte altre sono state parzialmente chiuse.

“Sono andato nel panico”

La provincia nord-orientale di Jilin è stata la più colpita, registrando più di 3.000 nuovi casi martedì, secondo la Commissione sanitaria nazionale.

I residenti di molte città, inclusa la capitale provinciale Changchun, che ospita nove milioni di persone, sono soggetti all’ordine di restare a casa.

Shenzhen, l’hub tecnologico del sud con 17,5 milioni di persone, è in lockdown per tre giorni con molte fabbriche chiuse e scaffali dei supermercati svuotati, mentre Shanghai, la più grande città cinese, è soggetta a una serie di restrizioni che non raggiungono il lockdown in tutta la città.

Scene di porte chiuse, acquisti presi dal panico e cordonatura della polizia sono tornate alla fase iniziale dell’epidemia, emersa per la prima volta in Cina alla fine del 2019 ma che si è attenuata in gran parte del mondo.

Con l’avvicinarsi del blocco a Pechino, i luoghi pubblici hanno rafforzato il controllo dei codici QR sanitari ovunque.

Di una quarantena domestica di 21 giorni con sua madre e suo figlio di tre anni, Mary Yu, la responsabile del progetto, ha affermato di aver dovuto isolarsi dopo che i casi del virus erano stati collegati a un parco giochi che avevano visitato.

“Sono andato nel panico quando i funzionari sanitari hanno chiamato… temevo che ci avrebbero portato in un hotel per la quarantena”, ha detto il 34enne all’AFP.

“Ma questa volta lasciano che le persone si isolino a casa. È un enorme sollievo”.

Altri abitanti delle città hanno espresso la loro indignazione per il diffondersi dell’epidemia in Cina, mentre la maggior parte del mondo sta cercando di tornare alla normalità.

“Le misure di controllo stavano andando bene prima”, ha detto Biginger Yan all’AFP.

“E ora ricomincia, quando finirà?”

Le nuvole economiche si stanno accumulando

Martedì è stato il sesto giorno consecutivo in cui sono stati registrati oltre 1.000 nuovi casi nella seconda economia più grande del mondo.

Gli esperti prevedono che la crescita ne risentirà con la diffusione del virus.

“Le nuove restrizioni, in particolare la chiusura di Shenzhen, influenzeranno i consumi e causeranno interruzioni alle forniture nel breve termine”, ha affermato Tommy Wu di Oxford Economics in una nota ai media.

Ha aggiunto che sarebbe una “sfida” per la Cina raggiungere il suo obiettivo ufficiale di crescita del PIL per l’anno di circa il 5,5%.

Martedì le azioni di Hong Kong sono scese di oltre il tre percento, prolungando la sconfitta sostenuta dalla tecnologia del giorno precedente.

“Il parziale contenimento delle province ricche della Cina meridionale e orientale è preoccupante perché rappresentano la metà del PIL e della popolazione del paese”, ha affermato l’analista di ANZ Bank Raymond Young in una nota di ricerca.

I dati di tracciamento dei voli hanno mostrato che dozzine di voli nazionali sono stati cancellati negli aeroporti di Pechino e Shanghai martedì mattina.

L’epidemia negli stabilimenti del Gruppo Volkswagen a Changchun, Jilin, ha chiuso tre siti lunedì per almeno tre giorni, secondo un portavoce.

Il capo dell’esperto medico cinese Zhang Wenhong ha sollevato la possibilità di allentare la strategia zero-Covid di fronte alla variante Omicron. Ma ha avvertito che qualsiasi allentamento dei test di massa e dei blocchi è impossibile a breve termine.

Funzionari sanitari hanno anche affermato che potrebbero essere in arrivo restrizioni più severe.

Il governatore di Jilin si è impegnato a fare del suo meglio per “raggiungere la società zero COVID entro una settimana” durante una riunione di emergenza lunedì sera, secondo quanto riferito dai media statali.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

 
Segnala Abuso Articolo   |   « back - Torna indietro





ELENCO ULTIME AUDIZIONI

CATEGORIE