CAST e CASTING – Film, Cinema, Moda, Spot TV, Cortometraggi. Provini e Agenzie per Attori, Modelle, Cantanti, Ballerine, Promoter, Hostess, Steward …+ di 100 cast ogni giorno!


Rss 2.0 RSS - Casting per attori comparse provini cast TV     Home >> All Cast (Casting per attori comparse provini cast TV)

Mar 09 2022

Ashraf Reda: L’uomo con molte corde nell’arco – facce – facce

Annuncio nella categoria: Altri 09:19

Ashraf Reda cerca soprattutto il benessere umano. Pittore e Professore di Architettura d’Interni alle Belle Arti del Cairo dal 1982, ha sempre ricoperto incarichi molto diversi. Ma dal 2012 ha fondato l’associazione no-profit ARAC, che gestisce lui stesso, e lavora principalmente nel campo delle arti visive. Anni prima, nel 1983, ha creato il Gruppo AR, attivo nell’editoria, nella grafica e nel marketing pubblicitario. Poi, di recente, è stato nominato consigliere culturale della nuova città delle arti e della cultura nella nuova capitale amministrativa. ” Sono onorato di essere coinvolto nella programmazione di questo nuovo gigantesco edificio culturale, il più grande del Medio Oriente. “Rassicura Ashraf Reda, che è stato descritto dai suoi fan come” uomo con molti cappelli “Anche la capacità di gestire, creare e insegnare.

Il 3 marzo ha lanciato, in collaborazione con la RATP Metro Company e tramite ARAC, un’iniziativa per decorare la stazione della metropolitana di Heliopolis attraverso un progetto artistico interattivo. Con l’aiuto di tre artisti plastici egiziani, Sameh Ismail, Alaa Awad e Mina Milad, specializzati rispettivamente in arti islamiche, faraoniche e copte, hanno allestito tre sessioni di fotografia dal vivo. I frutti del lavoro di questo trio di Heliopolis saranno esposti per due mesi nella metropolitana sotterranea della periferia residenziale. ” Questa iniziativa è la prima di tutta una serie, perché abbiamo programmato un evento al mese in varie stazioni della metropolitana. È il nostro modo di fondere l’arte nella vita di tutti i giorni Ashraf Reda, che spesso fa la domanda: come usiamo l’arte per alzare il morale delle persone?

Nominato nel 2011 a capo del settore delle arti visive presso il Ministero della Cultura egiziano, ammette che il settore da lui diretto è stato danneggiato quando i Fratelli Musulmani hanno preso il potere. ” Tuttavia, ho potuto raccogliere la sfida organizzando alcune mostre sulla rivoluzione egiziana del 1952. Stavo anche cercando di preservare il nostro patrimonio artistico da furti e danni. Durante i lavori di restauro nell’area di un museo, abbiamo trovato nei sotterranei diversi pittori risalenti all’epoca regia, che potrebbero essere stati depositati sin dalla rivoluzione del 1952 “, Lui dice.

Con lo stesso entusiasmo, capace di iniettare energia positiva all’inizio dell’emergenza Covid-19, Reda si è impegnata a marzo 2020 a realizzare mascherine originali, lanciando l’iniziativa maschera dell’ossessione (Disegna sulla tua maschera). Per sfuggire all’atmosfera cupa che regnava e per aggirare la chiusura delle gallerie. ” Cosa fare per incoraggiare le persone a indossare le mascherine senza lamentarsi? Come supportare il Ministero della Salute nella sua missione? Così ho pensato di invitare gli artisti egiziani a trasformare le maschere in un mezzo artistico. Disegna dipinti, disegni, ecc. che può essere utilizzato per documentare questo momento particolare della storia umana. Alcuni degli artisti hanno scattato selfie, indossato maschere e condiviso le loro foto sulla pagina Facebook di ARAC. Poiché ormai le mascherine fanno parte dei nostri accessori di abbigliamento, abbiamo dovuto trovare soluzioni innovative Lui dice. Egli stesso realizzò una maschera, che chiamò l’Alfabeto della Storia. Nei colori dell’arcobaleno, portavano gli antichi motivi egizi (faraonici, islamici, copti, ecc.), riflettendo la diversità che caratterizza l’Egitto. Per lui era una sorta di alfabeto neoegiziano, ispirato alle piramidi e ai minareti… Questo è anche ciò che caratterizza il suo lavoro, vuole sposarsi di epoche e civiltà diverse.

Lo scorso febbraio, Ashraf Reda si è presentato alla sala dell’Odissea nel distretto di Heliopolis sotto il titolo Le bolle d’amore (Manifestazioni d’amore). Allo stesso tempo partecipafiera internazionale d’arteche ha avuto luogo in albergo polvereIn New Cairo con tre dipinti ispirati a ” l’alfabeto un certo.

È appassionato di tutto ciò che è vintage. Gli piace ascoltare Bocelli e Pavarotti per leggere le opere di Jamal al-Ghitani sul Cairo fatimide. Invece, vive in un mondo un po’ reazionario, pur rimanendo molto preoccupato per ciò che sta accadendo nel presente e afferma di essere ” modernità conservatrice Ad esempio, apprezza molto lo stile architettonico di Hassan Fathy, radicato nella terra e affidandosi ai materiali tradizionali. Allo stesso tempo, è l’allievo dell’artista creativo Salah Abdel Karim, suo mentore durante gli anni delle Belle Arti, quando ha implementato un progetto di laurea per la riqualificazione del parco ittico di Zamalek”. Salah Abdel Karim mi ha insegnato che un buon interior designer deve essere come il Joker, cioè deve padroneggiare tutte le altre discipline tecniche. Inoltre, incoraggio anche i miei studenti a immergersi nella storia dell’arte per saperne di più e creare connessioni tra diversi campi. “.

Ashraf Reda è l’autore di 30 libri che trattano argomenti legati alla storia moderna dell’Egitto, compresi i suoi palazzi storici costruiti durante il regno di Khedive Ismail. Perché la sua tesi, che ha ottenuto nel 2000, era intitolata ” Riutilizzo dei palazzi storici in Egitto a fini turistici Inoltre, l’Augmented Reality Publishing Group pubblica una rivista bimestrale, il Palazzo, specializzato nella storia moderna dell’Egitto, dei suoi palazzi, delle pietre architettoniche e di altri. Nel 2013, ARAC ha pubblicato il libro Zamalek è la nostra isola privataScritto da Wael Abed.

Mio padre era il viceministro degli interni sotto Sadat e il suo lavoro era molto stressante. Sono cresciuto a Roxy, Heliopolis, dove la mia famiglia si stabilì originariamente dalla città di Mahalla al-Kubra, dove sono nato dice Ashraf Reda, che non ha mai voluto intraprendere una carriera nella polizia come suo padre. ” Avevo una maggiore predilezione per le arti e la matematica. Alla National School, io e i miei compagni di classe abbiamo pubblicato un cartone animato intitolato Waterman, un eroe che vive sull’acqua dolce.Lui ricorda. E per aggiungere: I miei amici ed io siamo andati in bicicletta alla scoperta di luoghi sconosciuti e insoliti a Heliopolis. Superammo il palazzo del barone Empain e gli altri antichi edifici e ville che lo circondavano. Era un quartiere carino e tranquillo a differenza di oggi. Recentemente, l’urbanizzazione e la costruzione di molti ponti hanno cambiato la natura del quartiere “.

Reda non vive più nel quartiere della sua infanzia, ma in un elegante angolo di Zamalek, in un edificio Art Déco. Perché ha ancora bisogno di sentirsi circondato da vecchi edifici, che ricordano i vecchi tempi. ” Sono stato uno dei primi a voler restaurare l’Abdeen Palace, che oggi è diventato un vero e proprio centro di divertimento e attrazioni culturali. I nuovi strumenti tecnologici mi aiutano molto nel mio lavoro, nell’interior design di hotel, unità amministrative o residenziali, padiglioni espositivi, ecc. ”, si riferisce al pittore e interior designer, molto attivo su Facebook. Comunica con i suoi studenti, ma anche con i suoi clienti.

Tra il 2008 e il 2011 ha vissuto in Italia, dove ha lavorato come consulente culturale e direttore dell’Accademia Egiziana delle Arti di Roma. Un posto meraviglioso segnato da un ferro rosso. ” Il progetto più importante della mia vita è stato l’interior design di questa prestigiosa accademia. Senza dubbio l’ho completamente rinnovato con l’aiuto dello Stato. Ho scelto di posizionare le pietre di travertino all’ingresso che vi era inciso Nei geroglifici le parole del saggio dell’antico Egitto Ptahhotep sono tratte dal libro dei suoi detti. Si rivolse al figlio dicendo: Non lasciare che il tuo cuore diventi presuntuoso per quello che sai. Accogli il consiglio degli ignoranti così come degli istruiti, perché non si può arrivare ai limiti dell’art Conclude Ashraf Reda, vincitore di 44 premi nel campo della creatività artistica.

collegamento breve:

 
Segnala Abuso Articolo   |   « back - Torna indietro





ELENCO ULTIME AUDIZIONI

CATEGORIE